informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cosa può insegnare un ingegnere civile?

Commenti disabilitati su Cosa può insegnare un ingegnere civile? Studiare a Udine

Se stai per laurearti in ingegneria civile ma non intendi intraprendere la carriera da ingegnere o se sei già laureato e vuoi sapere come accedere all’insegnamento allora ti interesserà sapere cosa può insegnare un ingegnere civile.

Trattandosi di un ambito disciplinare piuttosto vasto, che prevede l’approfondimento di numerose materie, il ramo ingegneristico civile consente di accedere a più classi di concorso, alcune con l’intergrazione di determinati CFU.

Ingegneria civile: cosa si studia

Prima di entrare nel merito delle classi di concorso accessibili con la laurea LM 23 cerchiamo di capire in cosa consiste la preparazione di un laureato e qundi quali sono le aree di competenza per le quali è possibile insegnare.

Analizziamo nel dettaglio il corso di laurea in Ingegneria civile a Udine erogato dall’università telematica Niccolò Cusano.

L’ingegnere civile possiede una solida preparazione di base in ambito fisico-matematico, e in generale in tutti i campi della moderna ingegneria civile.

Possiede, inoltre, un ampio bagaglio di conoscenze e competenze che riguardano:

  • I più sofisticati software di calcolo per svolgere analisi lineari e non lineari
  • I principi e le applicazioni della tecnica e della scienza delle costruzioni
  • Le norme tecniche relative all’attività di progettazione
  • Le caratteristiche dei materiali da costruzione e relativo utilizzo
  • La geotecnica
  • La progettazione delle strutture in zona sismica
  • I requisiti funzionali degli elementi strutturali
  • Le metodologie per la simulazione dei sistemi di trasporto

Il programma prevede lo studio e l’approfondimento delle seguenti materie:

Primo anno:

  • Tecniche costruttive per l’edilizia sostenibile
  • Tecnica delle costruzioni
  • Fondazioni e opere di sostegno
  • Geomatica
  • Costruzioni idrauliche
  • Costruzione di strade, ferrovie e aeroporti

Secondo anno:

  • Costruzioni zona sismica
  • Pianificazione dei sistemi di trasporto
  • Progetto di strutture
  • Consolidamento delle strutture in muratura

Tra le materie a scelta : meccanica delle vibrazioni; complementi di geometria; tecnica e economia dei trasporti; protezione idraulica del territorio e dei litorali; riqualificazione energetica del patrimonio costruito; tecnologie energetiche sostenibili.

Ingegneria civile: le classi di concorso

Entriamo nel cuore del nostro post per analizzare nel dettaglio quali sono le materie che può insegnare un ingegnere civile, ovvero i concorsi ai quali un laureato può accedere.

Per l’accesso alle classi di concorso ‘A’ è richiesto il possesso di una laurea magistrale o specialistica (o vecchio ordinamento).

Al momento la laurea triennale non consente l’insegnamento, anche se probabilmente a partire dal 2024 sarà possibile accedere alle classi di concorso ‘B’ (insegnamenti tecnico pratici accessibili con diplomi tecnici);

Il Decreto Legislativo n. 59 del 13 aprile 2017 ha introdotto un’importante novità per ciò che concerne il sistema di reclutamento per i ruoli della scuola secondaria di primo e secondo grado.

In particolare, l’accesso segue tre step fondamentali:

  • Superamento concorso pubblico
  • Percorso di formazione iniziale
  • Conferma ruolo

Gli aspiranti docenti che intendono insegnare nelle scuole superiori oltre al titolo di laurea devono acquisire 24 CFU integrativi nelle seguenti discipline:

  • Pedagogia, pedagogia speciale e didattica dell’inclusione
  • Psicologia
  • Antropologia
  • Metodologie e tecnologie didattiche generali

Con una laurea magistrale in ingegneria civile (LM 23) è possibile accedere alle seguenti classi di concorso:

A-16 – Disegno artistico e modellazione odontotecnica

A-20 – Fisica (scuole superiori)
      Con almeno 24 crediti nel settore scientifico disciplinare FIS/01 

A-26 – Matematica (tutte le scuole di istruzione secondaria)
       Con almeno 80 crediti nei settori scientifico disciplinari MAT/02, 03, 05, 06, 08

A-32 – Scienze della geologia e della mineralogia 

A-37 – Scienze e tecnologie delle costruzioni, tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica
Con almeno 24 crediti nei settori scientifico disciplinari ICAR/06 o ICAR/17

A-40 – Scienze e tecnologie elettriche ed elettroniche
Con almeno 48 crediti nei settori scientifico disciplinari ING-IND e ING-INF di cui 12 ING-IND/31,
12 ING-IND/32, 12 ING-IND/33, 12 ING-INF/07

A-43 – Scienze e tecnologie nautiche 
Purché congiunta ad abilitazione a Ufficiale di coperta

A-47 – Scienze matematiche applicate (istituti tecnici e professionali)
Non necessita di integrazioni CFU

A-60 – Tecnologia nella scuola secondaria di I grado

Tra le classi di concorso accessibili ai laureati in ingegneria civile anche la A-33, per la cui ammissione sono richieste ulteriori e specifici diplomi/attestati.

Per accedere all’insegnamento bisogna quindi superare il concorso pubblico o in alternativa iscriversi alle GPS (Graduatorie Provinciali per le Supplenze) per le quali sono richiesti gli stessi requisiti concorsuali ovvero laurea + 24 cfu o abilitazione.

Allo stesso modo funzionano anche le GI (Graduatorie di Istituto) un elenco per supplenze brevi al quale è possibile iscriversi anche contestualmente all’iscrizione nelle GPS.

In fase di iscrizione bisogna indicare 20 istituzioni scolastiche nell’ambito della stessa provincia.

Chi possiede una laurea in ingegneria civile può eventualmente inoltrare un’auto-candidatura direttamente alle istituzioni scolastiche attravero la MAD (Messa A Disposizione).

Le assegnazioni di supplenze tramite MAD avvengono esclusivamente nei casi in cui GPS e GI siano esaurite.

Ora sai cosa può insegnare un ingegnere civile, per cui se desideri intraprendere la carriera dell’insegnamento non ti resta che prepararti per affrontare l’iter concorsuale.

Credits immagine: DepositPhoto.com/SergeyNivens

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali