informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cosa fa un ricercatore universitario?

Commenti disabilitati su Cosa fa un ricercatore universitario? Studiare a Udine

Rimanere in ambito universitario dopo aver terminato un percorso di studi è il sogno di tantissimi neo-laureati; ma per poter assecondare tale ambizione è fondamentale sapere cosa fa un ricercatore universitario, ovvero quali sono i requisiti per accedere al primo step della carriera accademica.

La passione e l’interesse verso alcune materie studiate durante il corso di laurea identificano le leve motivazionali per le quali molti studenti hanno come obiettivo professionale il campo della ricerca.

Cerchiamo quindi di capire in cosa consiste l’attività di un ricercatore e quali sono i requisiti che deve possedere per poter ricoprire il ruolo.

Ricercatore universitario: chi è e cosa fa

Entriamo subito nel cuore del nostro post, nell’ambito del quale l’università di Udine Niccolò Cusano analizzerà l’attività di un ricercatore, ovvero le mansioni che svolge nell’ambito del suo ruolo.

La ricerca rappresenta il primo step della carriera universitaria; si tratta in pratica del periodo di gavetta attraverso il quale è possibile arrivare all’insegnamento.

A seconda dei contesti operativi, la ricerca viene distinta in: ‘ricerca di base’ oppure ‘ricerca applicata’.

La ‘ricerca di base’ tende ad acquisire nuove conoscenze o a fornire spiegazioni di fenomeni complessi, senza avere una finalità pratica immediata.

La ‘ricerca applicata’ si basa su conoscenze e tecniche già esistenti per trovare soluzioni concrete da applicare a problematiche pratiche.

Il ricercatore collabora quindi alle attività formative dell’ateno presso il quale lavora, occupandosi di studi e ricerche inerenti specifici argomenti e/o materie.

Operativamente il profilo in oggetto si occupa di analizzare eventi e fenomeni afferenti il campo disciplinare di propria competenza, sviluppando, a seconda dei casi, nuovi processi, metodologie o prodotti. Tra le sue mansioni anche la gestione organizzativa degli aspetti relativi al progetto di ricerca.

Ricercatore universitario tipo A

Il ricercatore a tempo determinato di tipo A (RTDA) ha un contratto triennale rinnovabile di altri due anni.
Per poter rimanere in ambito universitario deve superare un ulteriore concorso come ricercatore di tipo B.

Ricercatore universitario di tipo B

Il ricercatore a tempo determinato di tipo B (RTDB) ha un contratto triennale non rinnovabile, ma con la possibilità di passare di ruolo senza dover sostenere un concorso.

I ricercatori di tipo B possono quindi diventare professori associati con un contratto a tempo indeterminato, a patto che abbiano ottenuto, nel corso dei tre anni, l’abilitazione scientifica nazionale a professore associato (ordinario) e la conferma da parte dell’ateneo in cui lavorano.

Come diventare ricercatore universitario

Il primo step per poter intraprendere una carriera nell’ambito della ricerca è il conseguimento di una laurea magistrale.

Successivamente bisogna svolgere un dottorato di ricerca, della durata minima di tre anni.
Durante il dottorato l’aspirante ricercatore inizia a familiarizzare operativamente con la professione, affiancando allo studio attività di ricerca e sperimentazione.

Il titolo conseguito dopo i tre anni fornisce il requisito essenziale per poter accedere alla fase di selezione concorsuale.

L’accesso alla carriera accademica viene gestita direttamente dai singoli atenei, attraverso bandi di concorso pubblicati sui propri siti istituzionali senza alcun tipo di regola o limitazione temporale.

All’interno della pubblicazione ogni università definisce, sulla base delle peculiari esigenze, le procedure di selezione e reclutamento del personale.

È possibile partecipare indistintamente alle selezioni di qualsiasi ateneo, purchè i corsi siano correlati al proprio indirizzo di studi.

Il concorso prevede tre prove, di cui due scritte e una orale.
La prima prova scritta prevede lo sviluppo di un tema relativo ad un argomento afferente l’indirizzo di studi.
La seconda prova scritta è incentrata su un argomento afferente la materia scelta.
La prova orale verte sulle ricerche svolte fino a quel momento dall’aspirante ricercatore.

Ai requisiti tecnico-formativi è necessario affiancare una serie di capacità e attitudini personali.

Come accennato nel corso dei precedenti paragrafi, per poter intraprendere la professione di ricercatore è fondamentale possedere una forte passione per la ricerca.

Il ricercatore è una persona curiosa, spinta costantemente dal desiderio di conoscere, studiare e approfondire; ma è anche una persona responsabile e attenta.

Tra i requisiti personali imprescindibili rientrano la capacità di analisi, l’attenzione ai dettagli e la predisposizione naturale all’aggiornamento.

Quanto guadagna

Concludiamo con un’informazione che riguarda la retribuzione, ovvero cerchiamo di capire quanto guadagna un ricerctore universitario.

Lo stipendio si attesta, in media, sui 1.600 euro mensili.

In base al livello di esperienza (anzianità) la retribuzione parte da un minimo di 1.400 euro per arrivare ad un massimo di 1.900 euro.

Entrando maggiormente nel dettaglio:

  • Meno di 3 anni di esperienza (entry level): circa 1.500 euro netti al mese
  • Da 4 a 9 anni di esperienza: circa 1.600 euro netti al mese
  • Da 10 a 20 anni di esperienza: circa 1.700 euro netti al mese
  • Oltre 20 anni di esperienza: circa 1.850 euro netti al mese

Ora sai cosa fa un ricercatore universitario e quali sono gli step per accedere alla carriera accademica.
Non ti resta che iniziare!

Credits: AlexFedorenko/Depositphotos.com

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali