informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Le domande più difficili e temute dagli studenti durante gli esami di Giurisprudenza

Commenti disabilitati su Le domande più difficili e temute dagli studenti durante gli esami di Giurisprudenza Studiare a Udine

La facoltà giuridica è universalmente ritenuta tra le più impegnative; ecco perché l’università telematica Niccolò Cusano di Udine ha deciso di realizzare un post interamente dedicato alle domande più difficili degli esami di Giurisprudenza.

Il quinquennio ad indirizzo giuridico prevede un susseguirsi di esami piuttosto complessi: i cosiddetti ‘mattoni’.
Da diritto privato a diritto amministrativo, passando per diritto commerciale e penale, le materie del corso di laurea in questione richiedono una preparazione che presuppone una buona memorizzazione a supporto di un’adeguata comprensione.

Esami Giurisprudenza: le domande d’esame più difficili

Il corso di Giurisprudenza garantisce numerosi sbocchi alternativi alle tradizionali professioni legali, per i quali non è richiesta abilitazione ma ‘soltanto’ il conseguimento della laurea.

Per fornire un supporto concreto agli studenti abbiamo selezionato alcune domande, parte delle quali a risposta multipla, che potrebbero creare dubbi in fase di esame.

I quesiti e le relative risposte riportate nell’elenco sono stati ripresi dal web, dai vari portali e blog dedicati agli universitari.

  • Qual è la norma che permette di fare chiarezza in ordine al contenuto del diritto del lavoro oltre agli articoli 2094, 2222, 2240 C.C.?
    R: Art. 409 C.P.C.
  • L’amministratore di sostegno può compiere atti in eccesso rispetto ai poteri conferitigli dal giudice?
    a) sempre
    b) solo se l’atto è vantaggioso per il beneficiario
    c) mai, pena la nullità dell’atto compiuto dall’amministratore di sostegno
    d) mai, pena l’annullabilità dell’atto compiuto dall’amministratore di sostegno
    R: d
  • ‘il contratto inefficace è invalido’ è un’affermazione sempre esatta?
    a) sì, è sempre esatta
    b) no, è sempre sbagliata
    c) in alcuni casi il contratto invalido è anche inefficace in altri casi il contratto invalido non è inefficace
    R: c
  • In quali casi un contratto può essere annullabile?
    a) solamente nei casi previsti dalla legge
    b) nei casi previsti dalla legge e quando è contrario a norme imperative ordine pubblico e buon costume
    c) tutte le volte che le parti ritengono che il contratto concluso non sia idoneo a soddisfare i propri interessi
    R: a
  • Antonio da il suo terreno in usufrutto a tre persone, senza termine; una delle tre persone muore e Antonio chiede ai due rimasti di liberare il terreno in quanto l’usufrutto è estitno. Antonio ha ragione?
    a) sì, l’usufrutto non può essere trasmesso per successione per cui le due persone rimaste non possono succedere nella posizione del defunto.
    b) con la morte si estingue anche la quota per cui il proprietario (Antonio) può rientrare in possesso di una parte del suo terreno ma non può toccare la parte dei due usufruttuari rimasti.
    c) Antonio non può pretendere la restituzione del terreno in quanto l’usfrutto rimarrà valido fino a quando rimarranno in vita gli altri due usufruttuari.
    R: c
  • Il possesso è il potere sulla cosa che si manifesta in un’attività corrispondente all’esercizio della proprietà. È corretto?
    a) Sì, il possessore si comporta come un proprietario anche se in ipotesi non fosse tale
    b) No, il possessore si comporta anche come titolare di altro diritto reale
    c) No, il possessore si comporta anche come il titolare di altro diritto reale, oltre quello di proprietà, e del diritto di locazione
    R: b
  • Antonio ha acquistato un gioiello rubato, inconsapevolmente.
    Nel momento in cui viene a sapere che si tratta di un oggetto rubato diventa comunque proprietario ex art. 1153 C.C.?
    a) No, la conoscenza della proveniena illecita non gli fa acquistare la proprietà
    b) Sì, diventa comunque proprietario
    R: b
  • Antonio ha acquistato un libro rubato, inconsapevolmente.
    Nel momento in cui viene a sapere che si tratta di un testo rubato da una biblioteca diventa comunque proprietario ex art. 1153 C.C.?
    a) No, si tratta di un libro di una biblioteca, e questo non gli fa acquistare la proprietà
    b) Sì, perché vi era il titolo idoneo all’acquisto e la buona fede al momento della consegna
    c) No, la malafede sopravvenuta non gli fa acquistare la proprietà
    R: a

L’elenco delle domande più difficili degli esami di Giurisprudenza non intende in alcun modo essere esaustivo, ma semplicemente fornire una linea guida dalla quale partire per approfondire alcuni argomenti.

Come preparare e superare brillantemente gli esami

Lo studio, la memorizzazione e la comprensione delle nozioni giuridiche sono i tre presupposti per preparare e superare in maniera brillante gli esami previsti dal corso di laurea in Giurisprudenza.

La facoltà in oggetto richiede, più di altre, impegno e tanta organizzazione; in altre parole un buon metodo di studio.

Un errore commesso da moltissimi studenti, soprattutto da quelli che si approcciano per la prima volta ad un corso di laurea, è quello di iniziare a studiare alla fine delle lezioni, qualche settimana prima dell’esame.

Si tratta di un’abitudine poco produttiva, che segue la scia di una tendenza da liceale.
Le nozioni da assimilare per un esame di giurisprudenza non possono in alcun modo essere paragonate a quelle previste per le interrogazioni al liceo, né per quantità e né per complessità.

Studiare 500 pagine per preparare un esame richiede tempo, costanza e impegno.

L’ideale per seguire un metodo efficace e produttivo di studio è preparare un programma, dividendo il materiale da assimilare per i giorni a disposizione fino alla data della prova.

È consigliabile prevedere una prima fase di lettura e schematizzazione e una seconda fase di memorizzazione e ripasso.

Il requisito fondamentale, affinché il programma agevoli e migliori l’apprendimento, è la precisione:  realizzare un calendario giornaliero che riporti nel dettaglio gli argomenti da studiare.

È importante nella fase di programmazione essere realistici, sia per quanto riguarda l’impegno quotidiano che si è in grado di garantire allo studio e sia per ciò che concerne le personali capacità di apprendimento della materia.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali