informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come scrivere una tesi di diritto amministrativo: i passi da seguire

Commenti disabilitati su Come scrivere una tesi di diritto amministrativo: i passi da seguire Studiare a Udine

Se stai studiando giurisprudenza e stai iniziando a pensare ad un argomento da approfondire e discutere il giorno della laurea allora ti interesserà sapere come scrivere una tesi di diritto amministrativo.

A prescindere dalla tematica l’elaborato che conclude il ciclo di studi universitario è uno step importante, dal quale parte la carriera professionale del laureato.

Un lavoro ben fatto, curato in ogni suo piccolo dettaglio, può trasformarsi in un biglietto da visita per l’accesso al mondo del lavoro.

Cosa si intende per diritto amministrativo

Prima di addentrarci nell’ambito dei consigli e delle dritte per scrivere una tesi di diritto amministrativo è d’obbligo una breve panoramica della materia.
Partiamo dalla definizione fornita da Wikipedia, che riportiamo di seguito:

“Il diritto amministrativo è un ramo del diritto pubblico le cui norme regolano l’organizzazione della pubblica amministrazione, le attività di perseguimento degli interessi pubblici e i rapporti tra le varie manifestazioni del potere pubblico e i cittadini.”

Si tratta quindi di una branca del diritto molto ampia, che regola innumerevoli e svariate tematiche.
In particolare, le norme che rientrano nel campo ‘amministrativo’ disciplinano argomenti che riguardano la struttura della PA, gli interessi pubblici perseguiti, le modalità attraverso le quali svolge la sua azione, i provvedimenti che può mettere in atto, i rapporti tra l’autorità amministrativa e il privato.

Scrivere una tesi di diritto amministrativo: come fare per renderla perfetta

Il punto di partenza per poter iniziare ad impostare la tesi di diritto incentrata sulla branca ‘amministrativa’ è la scelta dell’argomento.

Si parte quindi dagli argomenti approfonditi durante il percorso di studi in giurisprudenza.
Il primo step, per quanto possa sembrare scontato e banale, è rivedere il programma del corso.

Prendiamo come esempio il corso attivato dalla telematica Cusano, che nello specifico prevede due moduli: ‘Diritto Amministrativo I’ e ‘Diritto Amministrativo II’.

Diritto amministrativo I si focalizza in maniera particolari su tre ambiti della materia:

  • Organizzazione della Pubblica Amministrazione
  • Azione della Pubblica Amministrazione
  • Sistema di protezione dei cittadini contro gli atti amministrativi

Diritto amministrativo II approfondisce le fonti del diritto amministrativo, l’attività amministrativa in generale, i beni pubblici, il mercato e la concorrenza, il governo del territorio, l’ambiente e la finanza pubblica.

Al di là di quelli che sono i personali interessi verso particolari tematiche, la scelta dell’argomento dovrebbe tenere in considerazione due aspetti  pratici molto importanti che consentono di agevolare il lavoro di redazione.

Il primo aspetto riguarda la disponibilità di informazioni.
Il consiglio è di selezionare un argomento per il quale esiste un’ampia letteratura di base; ciò agevolerà notevolmente l’attività di ricerca delle fonti

Il secondo aspetto da valutare con attenzione prima di definire il titolo è la genericità dell’argomento.

La scelta di un argomento  troppo ampio e generico si traduce nella maggior parte dei casi in un lavoro poco attraente, spesso superficiale e banale. Allo stesso modo però, esagerare con un argomento troppo specifico comporta una maggiore difficoltà nella ricerca delle fonti.

È quindi importante individuare una tematica originale ma che allo stesso tempo consenta di reperire senza troppe difficoltà il materiale bibliografico.

La scelta dell’argomento è seguita dalla selezione delle fonti, ovvero dalla ricerca del materiale informativo dal quale attingere nozioni e informazioni.
Si tratta di un passaggio fondamentale, per il quale è richiesto un accurato lavoro di scrematura rivolto ad individuare risorse, online ed offline, autorevoli e affidabili.

Per essere sicuri di scegliere risorse di qualità suggeriamo di chiedere aiuto al professore, il quale sarà sicuramente in grado di individuare le fonti migliori, sia in termini di autorevolezza che di coerenza con l’argomento scelto.

Un’altra strada da percorrere per realizzare un accurato lavoro di selezione è quello di informarsi sulla bibliografia utilizzata dagli studenti che in precedenza hanno realizzato tesi su argomenti affini.

Per quanto possano essere previste piccole variazioni, una tesi di diritto amministrativo è composta dalle seguenti sezioni:

  • Frontespizio
  • Indice
  • Abstract
  • Introduzione
  • Corpo del testo (capitoli, paragrafi e sottoparagrafi)
  • Conclusioni
  • Bibliografia e sitografia
  • Eventuali ringraziamenti

Durante la fase di approccio alla stesura del testo capita spesso di provare una sensazione di confusione e smarrimento, dettata dalla quantità di materiale bibliografico da riordinare e organizzare.

Per evitare di perdersi è consigliabile realizzare una sorta di scaletta, ovvero un indice provvisorio contenente i principali punti da sviluppare.

La strategia dei titoli provvisori consente di avere una linea guida, un filo logico da seguire durante l’approfondimento degli argomenti.

Esempi di tesi di diritto amministrativo: titoli e spunti utili

Di seguito abbiamo raccolto alcuni titoli di tesi di diritto amministrativo dai quali puoi prendere spunto per individuare l’argomento giusto da approfondire nel tuo elaborato:

  • processo amministrativo telematico
  • green economy
  • controversie di lavoro nel pubblico impiego
  • il ruolo del dirigente pubblico
  • espropriazione pubblica
  • danno erariale
  • concessioni edilizie
  • concetto di servizio pubblico
  • alienazione beni culturali
  • atto amministrativo comunitario
  • responsabilità amministrativa
  • la corruzione negli appalti pubblici

Ora sai come scrivere una tesi di diritto amministrativo; non ti resta che iniziare ad impostare la ricerca per realizzare un lavoro originale e interessante.

Credits immagine: DepositPhoto.com/lightpoet

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali